Stefano Pasini

 Un giradischi ultraprofessionale progettato dai laboratori della RAI e fabbricato a Torino

CARRSON '61'

A top-level broadcast deck designed by RAI's technical laboratories and built in Turin


Volete leggere una breve storia dei giradischi EMT? Cliccate qui



While researching for the history of the EMTs and other extremely sophisticated decks (Telefunken and AEG, on a lesser level Bourdereau, Clément, Schlumberger, VEB etc.) used by the Radiotelevisione Italiana and the other top-level European broadcasting stations, some of the older and more experienced former engineers of the RAI of the 'Golden Era' sometimes mentioned the 'Carrson'. They always spoke of that legendary machine with great respect, saying that it was one of the best products of the laboratories of RAI in Turin, that at the time were worthy of their German equivalents. The history of those few 'Carrsons' has been shrouded in mistery since their dismission, as RAI was forced by law to destroy all the machines that were declared 'obsolete' and none officially survived. Luckily, a few of them managed to escape the crusher, and I am extremely proud of having had the pleasure to purchase one in August 2011, courtesy of Alessandro Coppi, creator of http://www.autocostruire.it/  , who found it in a flea market. I would like to thank him for his courtesy in letting me have this splendid machine for my collection

This is my next restoration project: I am looking for information, documents about this extremely rare machine. Please E-mail me if you have any!


PRIMA PARTE: ESAME E SMONTAGGIO

Il Carrson '61' venne costruito su progetto dei famosi laboratori della RAI di Torino dall'inizio degli anni '50 in pochissime unità per riprodurre dischi monofonici fino al diametro di 16". Le sue dimensioni sono imponenti, quasi 61 centimetri di larghezza e 58 di profondità per un peso di circa 40 chilogrammi, mentre la lunghezza effettiva del braccio (dal perno allo stilo) è di circa 36 cm (16") . A parte il braccio evidentemente 'antico', il '61' può essere considerato un diretto rivale, sotto molti punti di vista, dell'EMT '927' Carrson turntable- giradischi The Carrson Mod. '61' was designed by RAI's Turin labs since the beginning of the 50s to reproduce even (but not only) the enormous 16" monophonic records. Its size is huge, 61 cm wide and 58 cm long with a weight of 40 kgs; the effective length of the tonearm is around 16" (from its bearing to the stylus tip). Apart from the 'ancient' tonearm, the '61' can be considered a direct rival of the EMT 927
Che la RAI in quegli anni fosse una struttura formidabile lo si vede dalle foto dell'epoca: questo è il complesso RST di Milano nel 1953. I due giradischi da studio sono dei Fairchild  con i famosi bracci '200' disegnati da Raymond Loewy, due torni d'incisione per lacche da 16" (sempre Fairchild, splendidi) e due registratori. Tutto è ordinato, pregiato, anche le foto sono splendide, sicuramente realizzate con macchine basculanti di grande formato RAI 1953, Milano RAI, in those years, was a formidable corporation: in this picture of a RST studio in Milano it is possible to see two huge Fairchild studio turntables with the famous '200' arms designed by Raymond Loewy, two cutting lathes (Fairchild again) and two tape recorders. Everything is expensive-looking and neat, as befits a true laboratory. Even the pictures are splendid; obviously they were made with a large-format camera
La foto, sgranata perchè scannerizzata dall'Europeo, è molto interessante: si intravedono, allineati in un altro studio RAI, tre Carrson. (Foto Giancolombo) Giradischi Carrson alla RAI 1953 This picture is quite rough as it was scanned from the pages of 'L'Europeo' but at least here we can see three Carrsons in another RAI studio. (Giancolombo photo)
Anche Renzo Arbore e Gianni Boncompagni iniziarono la loro straordinaria carriera in RAI sui Carrson.... (una foto del 1965) Even Renzo Arbore and Gianni Boncompagni, the most famous DJ of the Italian radio during the Sixties, began their career with Carrsons.... (pic taken in 1965)
Il comando dell'equalizzazione del Carrson '61', affidata a un preamplificatore a valvole alloggiato sotto al deck, è complesso e molto raffinato Carrson turntable- giradischi The equalizer of the Carrson '61' is quite complex and its controls are located on the main deck, while the pre itself, a complex tube affair, is located underneath
L'affidabilità era molto importante: per questa ragione il meccanismo di cambio velocità poteva essere azionato solo mettendo il tutto 'in folle'. La verniciatura 'Hammerschlag' è tipica delle macchine professionali dell'epoca, come gli EMT 927/930 a puleggia, appunto Carrson turntable- giradischi Reliability was all-important for these sophisticated workhorses, for this reason it was possible to change the speed only when the transmission was in 'Riposo' (Idle). The 'Hammerschlag' / Hammerite paint is the same used on the studio machines of that era, like the idler-wheel EMTs
La leva del cambio velocità è degna di un'auto d'epoca, molto robusta perchè deve muovere in altezza l'intero gruppo motore The gear lever, heavy and strong, would be at home on a vintage sports car: it's quite sturdy because it has to move up and down the whole motor
Il motore, di dimensioni impressionanti, si sposta in alto o in basso con tutto il gruppo di trasmissione e la relativa puleggia per cambiare velocità. Il Carrson offre tutte e 4 le velocità dei dischi in commercio, ma non lo stroboscopio degli EMT Carrson turntable- giradischi The enormous motor would be at home in an industrial washing machine and it is moved up and down by the gear lever change the position of the pulley on the rubber ring around the main platter and thus the speed of the latter. The Carrson has 16, 33, 45 and 78 rpm but lacks the strobe fitted on the idler-wheel EMTs
Il braccio è lunghissimo, molto pesante, costruito con estrema cura. Sotto al braccio si intravede la luce di illuminazione dello stilo, che la RAI ha sempre preferito avere dietro alla testina Carrson turntable- giradischi The die-cast tonearm is very long, quite heavy and well-built. There is a stylus-illuminating lamp, that RAI preferred to place behind the stylus, under the middle section of the arm
Il portatestina in lega leggera del '61' porta una testina Fairchild monofonica. Le sue dimensioni si intuiscono dal diretto confronto con una testina professionale Sony XL55 Pro Carrson turntable- giradischi The aluminum, die-cast shell of the '61' houses a monophonic Fairchild cartridge. Its size is easily understandable in this comparison with a professional cartridge/shell combination like the Sony XL 55 Pro
Portatestina e testina pesano 158 grammi (non è un errore di stampa). La testina può oscillare verticalmente per seguire le ondulazioni del disco grazie al perno trasversale visibile nel portatestina mentre il corpo del braccio si muove solo orizzontalmente. Un precursore dei vari Dynavector Carrson turntable- giradischi Headshell and cartridge, combined, weigh a hefty 158 grams (and this, believe me, is not a typo). The head moves up and down on its trasversal linkage whilst the body of the arm moves only horizontally; this makes this tonearm as sort of ancestor of the modern Dynavector

Nel 1954-55 circa, un Carrson 'I-54' venne modificato per montare un braccio per incisione di lacche. Sono molto grato al signor Claudio Girivetto, appassionato curatore del Museo RAI di Torino, per queste bellissime immagini e per tutte le informazioni che ha saputo darmi su questo magnifico apparecchio

Il Carrson prima della modifica. Notare le due sole velocità 33/78 Carrson 61 modified as a lathe The Carrson before the installation. Please note the 2 speeds, 33 and 78 rpm
La targhetta di identificazione di questo 'I-54' porta la 'firma' di due Ditte, la Carrson di Torino e la Oman di Trieste Carrson 61 modified as a lathe There are two 'signatures' on this Carrson 'I-54', Carrson of Turin and Oman of Trieste
Il braccio portante lo stilo incisore. L'albero di trasmissione del moto dal piatto al braccio è in primo piano Carrson 61 modified as a lathe The shaft transmitting the movement from the platter to the arm and stylus is well visible
Da sotto si apprezza come era collegato l'albero per il trasferimento del moto dal perno del piatto al braccio Carrson 61 modified as a lathe Underneath the power-transmitting shaft is very well visible
Particolare del braccio e dello stilo Carrson 61 modified as a lathe A detail of the arm and stylus
Il 'tornio' Carrson finito e operativo, equipaggiato con l'indispensabile microscopio per il controllo dei solchi. Purtroppo, questa bellissima macchina è andata perduta Carrson 61 modified as a lathe The Carrson 'lathe' as finished. The essential groove-checking microscope is in evidence. Sadly, this beautiful machine is lost

Un Carrson 61 in condizioni originali

La vista sotto allo chassis conferma l'impressione generale di robustezza senza fronzoli Carrson 61: a view underneath Under the chassis, this original '61' shows a reassuring no-frills sturdiness and simplicity

1 Settembre 2011: inizia il lavoro di ripristino del mio 61 presso l'Officina Bugamelli di Bologna

Il Carrson sistemato su un banco per liberarlo dell'enorme, pesantissimo (29 kg...) cassone di legno che lo conteneva e permettere così un ottimo accesso alle componenti meccaniche e elettroniche sottostanti The Carrson has been liberated from its ugly, heavy (29 kgs) wooden case and now it will be possible to work more easily on its mechanical and electronic components
Tutto è massiccio, ben dimensionato.... Everything is huge, massive....
...soprattutto il motore ...especially the motor

23 Settembre: progressi

Il Carrson è stato infilato nello scasso di un tavolino che avevo fatto costruire per un EMT 927. E' da adattare, ancora Carrson pro studio turntable The Carrson has been provisionally fitted in the table that I had ordered some years ago for an EMT 927. The table must be adapted 
Il Carrson è un poco più profondo ma anche più stretto di un 927, e così rimane libero uno spazio che useremo per il secondo braccio. Il tavolo è stato magnificamente costruito dal signor Umberto Giannini Carrson pro studio turntable The Carrson is slightly deeper but narrower than a EMT 927; this leaves some space on the side, where we will install a custom-made arm. This magnificent table was custom-built by mr Umberto Giannini
Il braccio originale è marcato 'RAI MOD.56'  Carrson pro studio turntable The original arm has a 'RAI MOD. 56' stamp under its base
Il preamplificatore phono originale (monofonico a valvole)  è sospeso sotto allo chassis come negli EMT Carrson pro studio turntable The original mono tube preamp is hanging under the main chassis 

8 Ottobre: altri avanzamenti

Ora il Carrson è perfettamente piazzato sul tavolo e appoggia correttamente sui suoi angolari in gomma Now the Carrson sits perfectly on the 4 rubber supports, one at each corner

18 Ottobre: il ripristino della filatura

In questa posizione si lavora meglio sui fili. Manca, purtroppo, qualsiasi schema Carrson 61 studio turntable Unfortunately, I haven't found any scheme for the electric/electronic wiring of the Carrson
Un piccolo connettore Litton Veam  codice LM65 a 6 lame collega il pre phono al suo alimentatore. Ho bisogno sia del maschio che della femmina Carrson 61 A little Litton Veam LM65 connector links the preamplifier to its power supply
Il connettore femmina sull'alimentatore The female connector on the power supply
I connettori AC e segnale sono tipici delle macchine professionali della RAI AC and output connectors are typical of RAI professional machines
Il massiccio trimmer per regolare la velocità di rotazione del motore Carrson 61 studio turntable The trimmer for the motor speed is huge
Una rara variante: il motore Papst, un tempo molto stimato per questo tipo di TT Carrson 61 broadcast studio turntable A rare variation: the Papst motor, once a favourite of high-level decks
Una solida piastra di montaggio su gommini isolanti e una massiccia puleggia in bronzo a 4 gradini Carrson 61 broadcast studio turntable A thick mounting board with grommets and a bronze 4-step pulley
Il motore originale pesa 4,2 chilogrammi e necessita di una revisione (fine Ottobre 2011) The original motor weihs 4,2 kgs and is in a bad need of an overhaul (end October 2011)
La filatura è di alta qualità: viene attualmente ricostruita da Marco Bugamelli utilizzando lo stesso tipo di fili, ma moderno (con i 220 V non si scherza....) Carrson 61 broadcast studio turntable Wiring is top-quality but ageing, and Marco Bugamelli is rebuilding it with old style but new wires: 220V AC is not something to take lightly
La lampada d'accensione, 6,3V Carrson 61 broadcast studio turntable 6,3 Volts lamps
Testina originale: Fairchild 215C
Fairchild 215C original cartridge
Sembra completa It looks OK

PROSEGUE CON LA SECONDA PARTE: RIASSEMBLAGGIO

Avete foto, informazioni, etc, su questo rarissimo Carrson? Per favore, contattatemi alla mia e-mail

Work in progress....



If you have pictures, information, etc about this unique Carrson turntable, please contact me

Nel 1948: CARRSON s.r.l. CORSO GIULIO CESARE N. 16 TORINO
 

Questa pagina è dedicata ai miei amici della RAI, in particolare a Vincenzo Basili che mi aiuta nella ricerca della storia del grande Ente radiotelevisivo italiano, e a Alfredo Cordaleone, grande amico e finissimo tecnico audio della RAI dei momenti migliori, che con la sua infinita esperienza mi ha prima raccontato tante cose preziose sugli EMT e poi mi ha insegnato che, nelle pieghe della storia, esistono anche perle sconosciute come questo straordinario Carrson..... Molte grazie anche a Claudio Girivetto, appassionato curatore del Museo RAI di Torino, che è una fonte preziosa di informazioni su questa macchina (e sulle tante altre straordinarie apparecchiature della grande RAI degli anni d'oro!)


 

Hit Counter